F Mottalini 6Mentre più della metà del mondo ha vissuto il blocco totale o parziale a causa della pandemia di coronavirus, con strade deserte e persone costrette ad autoisolarsi a casa, c'è un uomo la cui vita non è cambiata affatto nemmeno durante la pandemia. E ha alcuni consigli di sopravvivenza sempre attuali da condividere con le persone che hanno problemi ad affrontare infiniti giorni e notti trascorse sotto lo stesso tetto.

Fausto Mottalini, 69 anni, è l'unico abitante di un "borgo fantasma" alpino medievale chiamato Sostila nel nord Italia. Ha vissuto come eremita negli ultimi 14 anni e si sente al sicuro e protetto nel suo piccolo eremo in Lombardia. Mottalini è un uomo fortunato. Come unico residente di questo borgo, congelato nel tempo, dove persino i turisti del fine settimana sono uno spettacolo raro, non c'è rischio che si imbatta in qualcuno. È libero di fare lunghe passeggiate, dove può guardare attraverso verdi vallate i prati baciati dal sole, incorniciati da cime innevate.

F Mottalini 7

"Le cose non sono cambiate per me", dice. “Continuo a fare le stesse cose ogni giorno: mi sveglio presto, taglio legna per il fuoco, mi occupo del'orto e della serra, quindi esco per fare escursioni e arrampicate su roccia, scattare foto di natura, fiori e paesaggi meravigliosi. Torno al tramonto e preparo la cena. Sono libero di uscire quando voglio." Si rammarica di non aver potuto visitare le figlie, che vivono a valle, a causa delle restrizioni durante la quarantena, ma si rende conto che è fondamentale attenersi alle regole.

F Mottalini 2

Soprattuto durante il Covid-19, la posizione isolata di Sostila è stata una benedizione. Non si è mai sentito spaventato, ma ammette che l'emergenza del virus non era solo un incubo lontano. Diventava reale ogni volta che accendeva la televisione e la radio o si connetteva a Internet. "Dovrebbero esserci più film comici in TV per alleggerire gli spiriti", dice. 

F Mottalini 5

Vivere da solo, lontano dalla società, è stata una scelta personale per Mottalini, quindi capisce perfettamente che può essere difficile per le persone costrette a rimanere rinchiuse a casa. “Se vivi in ​​un piccolo appartamento di 50 metri quadrati su una base di 24 ore con moglie e figli, può essere difficile e farti impazzire, come una prigione. Sono fortunato. Il mio isolamento prescelto è la felicità: tutta questa valle del Fabiolo è il mio giardino.” Sostila è un rifugio perfetto con un'atmosfera magica. Non ci sono strade che conducono al villaggio, solo sentieri tagliati nella foresta. I percorsi collegano il paese con la frazione principale di Forcola, dove Mottalini conserva un'auto che usa per visitare la sua famiglia e per andare al supermercato. Per tornare a casa, deve camminare in salita per almeno un'ora. Fortunatamente, il suo frutteto gli fornisce abbastanza frutta e verdura per evitare viaggi frequenti.

F Mottalini 1

Mottalini ha optato per una vita sana, appagante e purificatrice dell'anima con momenti di esercizio fisico e meditazione. È la prova vivente che un essere umano può vivere con poche cose semplici: cibo, riparo e la gioia di essere circondato dalla natura. Mottalini ha abbracciato la filosofia, immergendosi in testi spirituali asiatici sul significato della vita e sottolineando frasi chiave per ulteriori brainstorming, che aiutano a esercitare la sua mente. Ex corridore di maratona, afferma che la sua vita naturale nel camminare, nel giardinaggio e nel tagliare la legna lo ha reso estremamente in forma e la sua lettura lo ha mantenuto calmo e sereno. La sua decisione di vivere in isolamento è stata motivata da eventi della sua vita. Con un matrimonio alle spalle e una carriera come tecnico di medicina nucleare, Mottalini decise di ritirarsi e trasferirsi nella vecchia casa in pietra di sua nonna a Sostila, il luogo dove trascorse le sue estati d'infanzia. "Mi è stata data la possibilità di un nuovo inizio quando un giorno sono venuto a riparare il tetto rotto della nostra casa di famiglia", dice. “La pace e il silenzio circostanti mi hanno colpito; Mi sono reso conto che questa doveva essere la mia nuova casa. Ora sono felice e soddisfatto." Per 25 anni aveva fatto ciò che la società si aspettava, dice. Ha seguito le regole, era un buon marito, padre e lavoratore. “Quindi ho scelto di vivere la seconda parte della mia vita come ho ritenuto più adatto. Con il passare del tempo, sono sempre più felice." Mottalini desidera sottolineare che, sebbene possa essere solo, non è mai solo. “Gli esseri umani tendono a possedere così tante cose, ma sono davvero felici? La pura felicità può provenire da noi stessi solo se siamo pronti ad esplorare le nostre vite interiori, non dall'accumulazione di oggetti o ricchezza. Più cose possiedi, più preoccupazioni avrai. Quando un giorno la mia macchina è stata bruciata - uno scherzo stupido, immagino - sono rimasto scioccato dalla mia reazione: non ho provato né rabbia né disperazione. Che importa? Quando muori, lasci tutto alle spalle."

F Mottalini 2

Mottalini ritiene che le persone dovrebbero usare il proprio tempo trascorso nell'autoisolamento come un'opportunità per meditare su ciò che conta davvero nella vita: le nostre azioni e come possiamo migliorare la nostra esistenza. “Dovremmo tutti imparare ad essere soli per scoprire veramente chi siamo, per amare noi stessi e la nostra compagnia. È inutile cercare tutto questo "fuori" quando lo hai "dentro". La gioia è individuale, non può venire dall'aggregazione sociale simile a una mandria", dice. Gli inverni di Sostila possono essere difficili e quando nevica, Mottalini può restare isolato per alcuni giorni. Questa è la parte migliore dell'anno, dice. Si distende davanti a un fuoco scoppiettante, delizia in castagne arrostite, gioca con i suoi gatti, cucina e scrive nel suo diario. La quiete del villaggio abbandonato è l'ideale per la ricerca dell'anima.

F Mottalini 3

Sostila è un gruppo di abitazioni in pietra grigiastra con porte in legno, tetti di tegole e balconi raggruppati attorno a un campanile della chiesa e una scuola dove libri e matite abbandonati dagli allievi giacciono ancora sui tavoli e sulle lavagne sono ancora visibili scarabocchi di gesso bianco. Nelle case fatiscenti si vedono vecchi oggetti arrugginiti dimenticati e le panchine sono coperte di polvere. I pavimenti delle case sono incrinati, le pareti sono nere di fuliggine. La vita a Sostila si interruppe negli anni '60, quando le famiglie partirono alla ricerca di un futuro più luminoso nelle città, stanche di inverni pungenti, redditi incerti e condizioni di vita difficili. Non c'era acqua corrente né elettricità - e Mottalini ha goduto di queste utilità solo negli ultimi anni.

Mottalini passa il tempo a prendere il sole sulla veranda, decorata con zucche e meloni, e a riparare sentieri e magazzini fatiscenti del villaggio. Prima dell'epidemia di coronavirus, suo nipote Franco Mottalini visitava a volte nei fine settimana, portando curiosi turisti in visite guidate per incontrare "l'uomo solitario" che affascina tutti. “I visitatori continuavano a chiederglielo, ma come si fa? Come puoi vivere qui da solo?” Dice Franco, insegnante nella vicina Forcola. "Una rete televisiva giapponese ha recentemente girato un documentario, inviando un ragazzo giapponese che ha vissuto con Fausto per un paio di giorni per vedere in cosa consiste questa vita da eremita, lavorando nel frutteto e seguendo la sua routine quotidiana", aggiunge. Quelle rare visite furono le uniche volte in cui Mottalini si mescolava con gli estranei. In questo periodo nessuno viene più e non se ne rammarica davvero. “Il ronzio sociale non è cosa per me. Non ci sono bar, ristoranti o negozi a Sostila. Così nulla è stato chiuso a causa del blocco perché non c'è niente qui. Non mi mancano queste cose. Quando vado in città, non sopporto il caos e lo smog. Dopo alcune ore voglio urlare e scappare. A Sostila, nessuno mi infastidisce. " Di notte Mottalini non chiude nemmeno a chiave la porta di casa. "Finché sono sano e in forma, niente mi farà lasciare questo posto." Nemmeno un virus.

WEBCAM

vedi la webcam in diretta

EVENTI

manifestazioni passate e future

CONTATTI

enti e associazioni

COME ARRIVARE

raggiungi Forcola

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.