Alfaedo (in dialetto, "faìi") è un toponimo assai diffuso in Valtellina, e deriva dal latino "fagus", che significa "faggio". Il territorio del comune di Forcola sembra avere una sorta di affinità elettiva con questa pianta: da essa trae il suo nome infatti il borgo di Alfaedo frazione principale e sede comunale fino ai primi dell'800 ("faìi", con voce dialettale, che deriva, appunto, da "fagum", faggio, con l'agginta postuma della preposizione articolata "al" che nel tempo ha contribuito a modificarne il nome in Al-faìi e quindi Alfaedo).
Chi, dalla piana della Selvetta, guardi in direzione dell'ampio versante orobico che scende al fondovalle dalla cima della Zocca, non può non notarlo: le sue caratteristiche chiese di San Gottardo risalente al 1700 e la precedente più piccola del 1400, si staccano, con il loro colore bianco, dalla policromia dei boschi, nella fascia della media montagna (è posto ad 803 metri), leggermente spostata a destra rispetto ad un ideale baricentro del versante. Si tratta di un borgo che, in passato, rivestì molta più importanza dei centri sul fondovalle. 

Adattamento da paesidivaltellina.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.